Che il Toro non fosse una squadra da tifare per i malati di cuore lo si è sempre saputo, ma questo volersi male stà diventando a tratti ridicolo.

Dopo esser andati sotto per 3 a 1 nel primo tempo , i granata rimontano i 2 gol di svantaggio ma, come all'andata, con l'innesto dalla panchina viola, i padroni di casa portano a casa l'intera posta a 10 minuti dalla fine.

Il Toro scende in campo con GIllet, DArmian, Glick, Ogbonna e FINALMENTE D'Ambrosio, VIves e BAsha a centrocampo, in avanti l'ex Cerci, Santana, Barreto e, non si capisce come mai, Meggiorini.

I viola passano al 7° , al 15° e al 34° del primo tempo e al 40° della ripresa.

Parte forte il Torino, che con Cerci sfiora in due occasioni il gol, ma al primo assalto passa la Fiorentina: numero di Cuadrado, che salta secco Santana, e appena entrato in area sfodera un pallonetto sul quale Gillet non può far nulla. Al 16’ i viola raddoppiano: sugli sviluppi di un corner, Borja Valero pesca Aquilani tutto solo in area, colpo di testa potente e preciso, Gillet di nuovo al tappeto. punizione di Ljajic forte e angolata, ma Gillet poteva sicuramente fare di più. Dilaga la Fiorentina, Toro incapace persino di aggredire gli avversari, mentre il pubblico del Franchi si spella le mani.

Il Toro si sveglia verso la fine del primo tempo dove, su passaggio di Santana, Barreto insacca per il 3 a 1.

Nel secondo tempo il Toro sembra crederci. Se nel primo tempo non si capiva come mai i due centrocampisti avessero deciso di fare le belle statuine in mezzo al campo, nel secondo si ha la sensazione che Ventura gli abbia spiegato che il calcio è un gioco di movimento. Ed infatti quando il centrocampo granata inizia a girare che il TOro prende in mano le redini del gioco. Il Secondo gol arriva da Santana che dopo una bella sgroppata sulla sinistra accentra il gioco su Barreto al limite dell'area, questi passa subito la palla a Meggiorini lì di fianco e quest'ultimo vedendo Santana che ha proseguito la corsa, gli offre un ottimo passaggio al limite dell'area il quale, completamente smarcato, tira da fuori e beffa Viviano.

Il 3° gol non poteva arrivare che da Cerci il quale prende palla da fuori e col sinistro insacca sul secondo palo, un gol speculare a quello di Lamela la scorsa settimana.

Purtroppo però, come all'andata, l'ultimo cambio viola per noi è fatale.è infatti Romulo che entra per ultimo e segna il gol della vittoria.

Che dire, perdere contro una grande squadra come la Fiorentina ci stà, non ci stà il fatto che si è stati capaci di rimontare 3 gol e non si è riusciti a mantenere il pareggio, questo no, mi spiace!!!

Facendo così si perdon per strada troppi punti importanti per la salvezza.

Per ultimo continuo a ribadire il mio SI a Bianchi in campo dal primo minuti e il NO a Meggiorini, se fosse un centrocampista potrei capire il suo apporto alla squadra, ma essendo una punta non capirò mai quale sia la sua utilità!

FORZA TORO!!